Cappuccetto rosso, favola moderna tra i bimbi rom e sinti

Cappuccetto rosso, favola moderna
23.05.2011
Presentazione del volume a Firenze il 24 maggio alle ore 17.30

Chi ha paura di cappuccetto rosso? È un volume scritto da Eva Ciuk, giornalista della Rai di Trieste, appena pubblicato da Edizioni Corsare, arricchito da un dvd con foto realizzate dai ragazzi e un cortometraggio girato nei campi rom e sinti del Friuli Venezia Giulia.
Il libro verrà presentato presso la Libreria Libri Liberi di Firenze martedì 24 maggio alle ore 17.30: saranno presenti l'autrice; Livio Sossi, docente di Storia e Letteratura per l'infanzia all' Università di Udine e interverrà Emanuele Dattoli del progetto Trool.

Ma Chi ha paura di Cappccetto Rosso?, realizzato con il sostegno dall'UNICEF – Comitato provinciale di Trieste , è molto di più e il libro è soltanto l'ultima tappa di un cammino intrapreso alcuni anni fa dalla giornalista triestina.
Cappuccetto Rosso è un progetto educativo che ha coinvolto scuole elementari e medie friulane, e non solo, alla scoperta della realtà delle popolazioni rome e sinte al di là dei facili stereotipi.

Il percorso comincia da uno spettacolo teatrale, messo in scena dai bambini dei campi rom, che hanno reiterpretato secondo la loro quitidianità la celebre favola di Perrault. Cappuccetto Rosso indossa una tuta viola e una coroncina di fiori di plastica perchè non possiede un mantellino rosso e il bosco da attraversare non esiste perchè i bimbi vivono in un campo di sterpaglie dominato da una ciminiera che avvelena l'aria. Il lupo non ha più le sembianze dell'animale ma è la guerra che ha costretto le famiglie dei bimbi ad abbandonare il Kossovo natio e a rifugiarsi in Italia. Non mangia la bimba e la nonna ma mette tutti gli uni contro gli altri mettendo in giro voci false, mentre i bambini alla fine scoprono di essere molto simili tra sé. La cappuccetto rom insegue da sola il lupo perchè la smetta di creare ostilità tra i bambini.

Da questo spettacolo bello e toccante sono nati un cortometraggio sul quale si è basato un laboratorio di giornalismo, dove i ragazzi hanno realizzato un notiziario sulle popolazioni rom e sinte prima e dopo la visione del cortometraggio. Sia le notizie che lo sguardo dei ragazzi sono, durante il percorso, molto cambiati: dagli stereotipi negativi sui rom alla comprensione delle difficoltà oggettive di queste popolazione e alla solidarietà immediata e spontanea tra coetanei più e meno fortunati.

I piccoli rom hanno anche realizzato insieme al fotografo Claudio Domini un reportage fotografico sulla loro quotidianità intitolato Autobiografia del campo. Il progetto Chi ha paura di Cappuccetto? ha utilizzato anche la piattaforma Trool.it; i ragazzidella scuola media Simon Gregorcic di Dolina-San Dorligo della Valle, scuola per la minoranza linguistica slovena che vive in Italia, hanno realizzato un blog in doppia lingua slovena e italiana, dedicato a riscritture personali della favola di Cappuccetto Rosso. (francesca conti)

Per scoprire di più a proposito di questo progetto vi invitiamo alla presentazione del volume:

Chi ha paura di Cappuccetto Rosso? di Eva Ciuk
Martedì 24 maggio ore 17.30
Libreria "Libri Liberi"
Via San Gallo, 25-27 r a Firenze

Commenti

Aggiungi un commento