I dati delle adozioni nazionali e internazionali in Toscana elaborati dal Centro regionale per l'infanzia
20 November 2012

La firma di ieri per un nuovo accordo a valenza triennale rinnova  la collaborazione, attiva ormai dal 2000, tra Regione Toscana e Tribunale per i Minori per il miglioramento della tutela dei diritti dei bambini e degli adolescenti e per lo sviluppo del sistema informativo regionale, fonte di informazione per la progettazione e l'adozione degli interventi in materia. L'iniziativa è stata anche l’occasione per ricordare la XXIII Giornata internazionale per i diritti del fanciullo che ogni anno viene celebrata il 20 novembre.

L'accordo è stato siglato dall'Assessore regionale al Welfare, Salvatore Allocca e la presidente del Tribunale, Laura Laera. Presenti il Garante regionale per l'infanzia e l'adolescenza, Maria Grazia Sestini e la Presidente dell'Istituto degli Innocenti, Alessandra Maggi. 

Con questo accordo, Tribunale e Regione si impegnano inoltre ad attivare percorsi condivisi per supportare i Servizi sociali dei Comuni e delle Aziende sanitarie che si occupano di tutela minorile e in particolare delle attività a supporto del percorso adottivo.

La firma è stata l'occasione per analizzare i primi dati relativi alle adozioni nazionali e internazionali in Toscana la cui elaborazione è possibile proprio alla valorizzazione del sistema informativo del Tribunale ed è realizzata con il contributo tecnico dell'Istituto degli Innocenti in quanto soggetto cui sono affidate le funzioni del Centro Regionale di Documentazione di cui alla L.R.31/2000

Grazie al lavoro svolto dal Centro regionale  è possibile avere la fotografia aggiornata al 2011 dei principali dati di tendenza relativi alle adozioni in Toscana. 

I dati delle adozioni in Toscana elaborati dal Centro regionale di documentazione su infanzia e adolescenza
La Toscana è al secondo posto (dopo la Liguria) per le coppie adottive e bambini adottati. Secondo i dati del Tribunale per i Minori di Firenze (di riferimento per tutta la Toscana a esclusione di Massa Carrara), durante il 2011 sono state registrate 335 nuove famiglie adottive. Il percorso formativo per l'adozione internazionale è stato completato da 314 coppie e 21 hanno terminato l'iter per l'adozione nazionale. I bambini adottati sono complessivamente 410 dei quali 388 da adozione internazionale e 22 da adozione nazionale.

Le coppie che nel 2011 in Toscana hanno invece iniziato il loro iter presentando domanda di adozione al Tribunale per i Minorenni di Firenze sono state complessivamente 578. Di queste 357 hanno fatto richiesta sia per l'adozione nazionale che internazionale mentre 185 (144 provenienti da altra regione) per la sola adozione nazionale e 36 solo per l'adozione internazionale. Un dato che conferma il calo che si sta registrando negli ultimi anni rispetto alla disponibilità, dovuto non solo alle difficoltà congiunturali socio-economiche ma, probabilmente, anche alla maggiore consapevolezza delle coppie rispetto alla complessità del percorso adottivo, sostenute in questo dal lavoro svolto negli ultimi anni dai servizi territoriali.

Il Paese di maggiore provenienza dei bambini adottati provenienti dall'estero rimane la Federazione Russa mentre l'America latina è il primo continente, con Brasile e Colombia ai primi posti. Diminuiscono invece i bambini che arrivano dai Paesi asiatici e aumentano i bambini africani.

Negli ultimi anni viene registrato anche un aumento dell'età media dei bambini adottati: dai 5,9 anni del 2009 e 2010 si è passati ai 6,1 anni del 2011. La maggioranza dei bambini adottati (64%), sia in Toscana che a livello nazionale sono maschi.

Aumenta anche l'età media delle coppie adottive. Nel 2011 per gli uomini è di 44,2 anni rispetto ai ai 41,2 del 1999 mentre per le donne è di 43,1 (nel 1999 era di 39 anni). Importante sottolineare che il 21% delle coppie ha adottato più di un bambino. Il tempo medio trascorso dalla data di domanda alla data di adozione passa dai 2,9 anni nel 2003 ai 3,8 del 2011 per la nazionale, dai 2,9 del 2003 ai 4,4 registrati nel 2011 per l'internazionale. (sp)

(crediti foto)