Chi sposava una fanciulla Nocentina veniva poi chiamato genero dallo Spedale, in questo caso un genero viene a ritirare il resto della dote che spettava alla moglie:

[8 gennaio 1501 s.f.]

A Bastiano di Cello nostro genero lire trentadue soldi diciotto denari 4 piccioli hebe contanti portò [via] lui detto per suo resto di lire 150 della dota della sua donna portò [via]lui detto contanti al libro giallo B 333 

(AOIF, Entrata et uscita E, 02/01/1501 s.f. – 31/12/1502, n. inv. 4825, c. 34sin)