Dal 27 al 30 giugno A Pennabilli una scuola estiva sull'accoglienza in comunità per minori
30 May 2016

Dal 27 al 30 giugno il master "Tutela, diritti e protezione dei minori" dell'Università degli Studi di Ferrara terrà a Pennabilli (Rimini) la seconda edizione della scuola estiva "A come comunità, C come accoglienza" sul tema dell'accoglienza dei minori che vivono in contesti residenziali alternativi alla famiglia.

Molte le attività e i laboratori previsti, nell'ottica di una formazione condivisa e partecipata, in pieno stile comunitario. L'iscrizione alla scuola è di 200 euro (entro il 6 giugno, vitto e alloggio esclusi).
Oltre alla partecipazione alla scuola la quota consente anche di fruire di un corso online sulle comunità per minori (o un altro corso a scelta, da concordare, su www.tutelaminoriunife.it), interno al nostro master, in periodo successivo alla scuola, con accesso libero alle lezioni in qualunque momento della giornata, rilascio dell'attestato e relativi CFU.

La scuola estiva è rivolta a professionisti, studenti, volontari, persone che a vario titolo si occupano di minori e affronterà il senso emozionale dell’incontro con bambini e ragazzi che vivono in contesti residenziali alternativi alla famiglia: la loro accoglienza.

Sul sito della scuola si legge: "Abiteremo, con l’obiettivo di “appartenere” al contesto che ci ospita, i luoghi messi a disposizione dalla comunità di Pennabilli e da chi ha creduto in questo progetto: l’Ostello di Montefeltro, in cui, in pieno stile comunitario, il pranzo e la cena saranno momenti di ritrovo e di compartecipazione, e l’Orto dei frutti dimenticati, dove incontro, tempo e memoria diventano luoghi della cura e della condivisione, valori cardini e fondamenta dei processi di accoglienza. Al Teatro Vittoria abiteremo “l’altro”, non “occupandolo” ma “occupandocene” e “pre-occupandocene”, grazie all’esperienza intima ed emotivamente coinvolgente del laboratorio teatrale “Nei panni degli altri” condotto dal regista e pedagogo teatrale Michalis Traitsis.

Fil rouge delle numerose attività previste, incluso lo spettacolo teatrale “Voci e suoni da un’avventura leggendaria”e il concerto di musica popolare in piazza, è l’incontro con l’altro da sé, con le diversità, elemento fondante di tutti i processi di accoglienza.

Per qualunque richiesta, informazione o chiarimento mastertutelaminori@unife.it, o telefonate al 349.3169397 dal lunedi al venerdi dalle 10 alle 13.