Accordo triennale che parte da uno studio su come l’utilizzo del web cambia i rapporti tra genitori e figli
01 November 2012

La Presidente dell'Istituto degli Innocenti Alessandra Maggi e quello del Corecom Toscana Sandro Vannini hanno sottoscritto un protocollo d'intesa triennale per promuovere attività comuni  tra i due enti che rinnova la collaborazione già sperimentata nel 2006.

La collaborazione prenderà avvio dalla realizzazione della ricerca “Famiglie digitali in Toscana: individuazione di aree di riflessione e ricerca a partire dall'esperienza del progetto Trool” che si propone di indagare il ruolo delle nuove tecnologie nelle vite delle famiglie e nei processi di apprendimento dei bambini.

Verranno monitorate classi terze di scuola primaria che seguono il laboratorio di Trool Piccole storie dedicato ai più piccoli, un'esperienza che coinvolge 22 classi toscane dalla prima fino alla quinta classe della scuola primaria con una programmazione delle attività realizzata dagli educatori dell'Istituto degli Innocenti insieme agli insegnanti.

La ricerca coinvolgerà i bambini, le loro famiglie e anche gli insegnanti.
Servirà a comprendere l'efficacia del metodo Trool e dell'introduzione dell'educazione ai media in classe sull'apprendimento dei bambini, a valutare se e come i genitori rappresentano interlocutori validi per i bambini nel loro avvicinamento alle nuove tecnologie, mentre il coinvolgimento degli insegnanti servirà a verificare il ruolo che essi possono avere nell'utilizzo positivo del web  e se insegnanti più esperti formano bambini più esperti.

Ma la ricerca è soltanto il primo passo di questa collaborazione tra il Comitato Regionale per le Comunicazione  e l'Istituto degli Innocenti che ha al centro i nuovi mezzi di comunicazione e i diritti dei più piccoli. (francesca conti)

educazione media