Aggiudicato il terzo lotto, sono 221 gli ettari affittati dal 2015
02 August 2017

Un giovane imprenditore si occuperà degli uliveti, del bosco e dei campi intorno a Villa La Torraccia a Fiesole, oltre 42 ettari di proprietà dell’Istituto degli Innocenti sono appena stati dati in affitto. È stato infatti aggiudicato la scorsa settimana il terzo lotto di terreni che l’Istituto ha destinato alla Banca della Terra dopo quelli di Reggello e Figline Valdarno: sono così 221 gli ettari che sono stati affittati dal 2015 a oggi attraverso proprio la Banca della Terra.

L’Istituto degli Innocenti è proprietario complessivamente di quasi 345 ettari, frutto di lasciti testamentari e di una politica del passato che voleva che l’Ente, nato per accogliere i bambini abbandonati, fosse autosufficiente: una cittadella capace di produrre al suo interno tutto quello che serviva per la cura dei suoi piccoli ospiti. Per questo motivo fino agli anni Settanta l’Amministrazione dell’Istituto gestiva due fattorie, a Figline Valdarno e a Borgo San Lorenzo.

Dei terreni rimasti di proprietà dell’Istituto un centinaio di ettari erano già da tempo affittati e dal 2015 la gran parte di quelli rimasti incolti sono entrati a far parte del “catasto online” della Banca della Terra, un inventario aggiornato di proprietà pubbliche o private disponibili per operazioni di affitto o di concessione.

“Un modo per far tornare produttivi terreni da tempo incolti - spiega la dirigente dell’Istituto degli Innocenti Marialuisa Guigli - per garantire una cura del paesaggio, ma l’Istituto ha scelto di aderire alla Banca della Terra anche perché l’ha ritenuta un valido sistema per favorire l’imprenditoria giovanile”.

La Banca della Terra è nata infatti per avvantaggiare i giovani ed è inserita nel progetto Giovanisì della Regione Toscana che riunisce opportunità di ambiti diversi.

L’Istituto degli Innocenti ha ancora liberi 23 ettari, di cui quasi 19 di vigneto che potranno essere inseriti in autunno nella Banca della Terra o essere utilizzati nell’ambito di concessioni di valorizzazione in progetti sulla disabilità.

(Nella foto uno dei terreni dati in affitto con il primo lotto attraverso la Banca della Terra)