Due ragazzi incaricati di portare allo Spedale un bambino, sentono dire che nella notte erano morti tre bambini. Preoccupati lo riportano via.

Adi 24 diluglio in su lore 12 ci fu rechatto e messo nella pilla uno fanciullo maschio arechollo uno fanciullo chesso era figliuollo della ischiava di Michele di Chorsso […] e il padre dichono e Lapo di Ghuasparre da Chiacietto. Quando lavemo inscritto el fanciullo che larecho e un charzone chera cholui quantirono [sentirono] chome la notte cenera in statti secchatti 3, disono noi non vogliano si muoia e ritolsonsello e riportironsello via. E pero si chanciella e de vana questa facia.

(AOIF, Balie e bambini dall'anno 1454 all'anno 1458 [C], 14/12/1454 – 19/05/1458, n. inv. 487, c. 111r)