17 November 2016

Violenze e umiliazioni subite o assistite all’interno del contesto familiare aumentano il rischio di subire maltrattamenti, anche gravi, in età adulta. Ma anche di compiere atti di violenza nei confronti del partner. Il dato emerge dal Rapporto italiano dello “Studio Multi-Paese sui drivers della violenza sui minori”, realizzato dall’Istituto degli Innocenti nell’ambito di un progetto internazionale supervisionato da Unicef Office of Research e Università di Edimburgo.

Lo studio, che ha preso in esame una corposa serie di analisi effettuate negli ultimi 15 anni in Italia, mette in evidenza come le norme familiari abbiano un notevole peso sulle storie di violenza. Secondo alcune nuove analisi effettuate sulla ricerca “Vite in Bilico” (Bianchi e Moretti, 2006), le donne vissute in famiglie in cui esistevano segreti e/o la tendenza ad accusarsi a vicenda sono risultate avere una probabilità due volte maggiore di subire abusi sessuali e una probabilità 6,5 volte maggiore di vivere episodi di maltrattamento fisico o emotivo. Le donne che hanno dichiarato di essere state umiliate all’interno della propria famiglia durante l’infanzia e l’adolescenza sono risultate avere una probabilità 14 volte superiore di subire maltrattamenti gravi e coloro che hanno assistito a liti familiari hanno una probabilità di essere maltrattate 7 volte superiore.

Anche assistere alla violenza domestica, infatti, può avere gravi ripercussioni sui minori. L’Istat ha rilevato che la probabilità che le persone compiano atti di violenza intima sui propri partner aumenta dal 5,2% al 22% se hanno assistito alla violenza del padre sulla propria madre (Istat, 2015). Da “Vite in Bilico” emerge che il 64% delle donne vittime di abusi sessuali è stata esposta a situazioni di elevata conflittualità familiare e il 48% ha assistito a episodi di aggressioni verbali, offese e svalutazioni ai danni di un altro parente. La violenza domestica può anche significare un fattore di rischio per lo sfruttamento sessuale, come riportato da altre indagini esaminate in questo contesto (Carchedi, 2004; Save the Children 2013, Camera dei Deputati, 2012).

Ma la violenza subita non accresce solo il rischio di diventare vittime. La probabilità che le persone compiano atti di violenza intima sui propri partner aumenta dal 5,2 al 35,9% se sono state fisicamente abusate dalle proprie madri (Istat, 2015).