Alla libreria Babele le tavole di Roberto Innocenti
02 April 2012

Quattordici tavole su uno dei più bei libri di avventure mai scritti, “L'Isola del Tesoro” dello scrittore scozzese di Robert Louis Stevenson.

Sono in mostra, a Firenze fino al 21 aprile, alla Galleria-Libreria d’Arte Babele per la gioia di adulti e bambini.

Un'esposizione ad acquarello delle opere del grafico e illustratore Roberto Innocenti che permette al visitatore un viaggio fantastico nel mondo di Stevenson tra mari tropicali, le faticose tappe della crescita del protagonista e voce narrante Jim Hawkins e le avventure del feroce bucaniere Long John Silver. 

«Le tavole di Innocenti – sottolinea Laura Accordi, curatrice e proprietaria della libreria - appaiono come vere e proprie inquadrature cinematografiche. Con il loro iperrealismo consentono di cogliere anche gli aspetti più reconditi del testo, secondo uno stile apprezzato non solo dal pubblico adulto, ma molto caro e facilmente riconoscibile anche dai bambini».

Il 31 marzo, oltre alla mostra, è stato presentato anche il celebre romanzo illustrato da Innocenti, pubblicato dalla casa editrice Prìncipi e Princípi di Andrea Rauch. Nelle pagine del libro si assiste, tavola dopo tavola, allo sviluppo della figura del protagonista. L'illustratore riesce a cogliere le immagini evocate dallo scrittore aggiungendo dettagli - che a volte sfuggono al lettore - catturando l'intensità descrittiva di Stevenson.

L'Isola del Tesoro, il cui titolo originale era “Sea Cook, or Treasure Island (Il cuoco del mare ovvero l'Isola del Tesoro) venne pubblicato a puntate per la prima volta tra il 1881 e il 1882 sulla rivista inglese Young Folks.

Roberto Innocenti è considerato fra i trenta illustratori più bravi a livello internazionale. Nato nel 1940 ha iniziato la carriera come disegnatore di cartoni animati, poi grafico e designer. La sua opera più conosciuta è la Rosa Bianca pubblicata nel 1985. Seguono Le avventure di Pinocchio (1991), Un canto di Natale (1990), Schiaccianoci (1996), fino ai più recenti L’ultima spiaggia (2002) e La storia di Erika (2003), tutti pubblicati dall’editore americano Creative Editions.

É stato premiato con La mela d’Oro alla Biennale di Bratislava; il Premio per la Pace Gustav Hainemann; il premio “Andersen (Italia) nel 1992. Unico illustratore italiano nella storia del premio, nel 2008, ha ricevuto a Copenhagen l’Ibby Andersen Award.

Alla mostra, oltre al libro, è possibile acquistare una cartella con quattro stampe numerate e firmate dall’autore. (sp)

La mostra L’ISOLA DEL TESORO sarà aperta dal martedì al sabato, dalle ore 11.00 alle 20.00. L’ingresso è gratuito.