02 April 2019

Torna in piazza Santissima Annunziata dal 13 al 24 luglio il Musart Festival di Firenze che abbina i grandi nomi dello spettacolo al fascino secolare di Firenze, attraverso visite a luoghi d’arte, mostre, docu-film e altri eventi collaterali e che ospita quest’anno la leggenda della musica brasiliana, Caetano Veloso, in concerto venerdì 19 luglio 2019 al Musart Festival di Firenze, nell’ambito del tour CMTZ_V che lo vedrà al fianco dei figli Moreno, Tom e Zeca.

Il Musart Festival è stato presentato oggi alla conferenza stampa che si è tenuta al Caffè del Verone alla presenza della presidente dell’Istituto degli Innocenti, Maria Grazia Giuffrida, del direttore generale dell’istituto degli Innocenti, Giovanni Palumbo, di Massimo Gramigni e Claudio Bertini della Prg e di Laura Solito, prorettore dell’Università degli Studi di Firenze.

Per l’Istituto degli Innocenti si rinnova la collaborazione con questa manifestazione che ha il merito di coinvolgere le tante istituzioni che hanno dei tesori da mostrare nell’area della Santissima Annunziata.  Prima dei live gli spettatori infatti potranno visitare gratuitamente giardini, luoghi di culto e palazzi monumentali adiacenti alla piazza: dall’antico monastero di Santa Maria degli Angeli e dagli spazi della biblioteca umanistica dell’Università di Firenze in piazza Brunelleschi alla chiesa di Chiesa di San Francesco Poverino, dalla mensa Caritas all’Istituto geografico militare, dalla basilica della Santissima Annunziata al Giardino del Museo archeologico per poi arrivare nei cortili delll'Istituto degli Innocenti, e, novità di quest’anno, all’Accademia di Belle Arti di Firenze.

Il festival si conclude nel Cortile degli uomini dell’Istituto degli Innocenti con il suggestivo concerto all’alba del pianista Danilo Rea, mercoledì 24 luglio (ore 4.45) e grazie alla collaborazione con Musart Festival l’Istituto può aprire anche in questa occasione le porte alla città per mostrare la bellezza dell’edificio progettato da Brunelleschi dove si porta avanti l’impegno in difesa dell’infanzia e dell’adolescenza soprattutto in questo 2019, anno nel quale l’Istituto festeggia il suo Seicentenario.

Oltre a Caetano Veloso, protagonisti di questa edizione saranno l’etoile Roberto Bolle, Francesco De Gregori, l’ex Genesis Steve Hackett. E ancora, Nicola Piovani con l’Orchestra del Maggio, il pop celtico di Loreena Mckennitt, la straordinaria reunion del Perigeo, le musiche della saga Il Trono di Spade interpretate dall’Ensemble Symphony Orchestra, classici del rock in versione sinfonica con Orchestra della Toscana e Prague Philharmonic Orchestra, oltre al concerto all’alba di Danilo Rea. Musart Festival 2019 taglierà il nastro sabato 13 luglio con “Roberto Bolle and Friends”, Gala di danza di cui l’“Étoile dei due mondi” non è solo interprete, ma anche direttore artistico.