05 April 2016

Dall'8 aprile al 1 maggio torna a Cesena Puerilia – giornate di puericultura teatrale a cura di Chiara Guidi, anima e co-fondatrice della Socìetas Raffaello Sanzio.

Negli spazi del Teatro Comandini e della Biblioteca Malatestiana prenderanno vita laboratori e spettacoli teatrali per e con i bambini, presentazioni di volumi dedicati alla relazione tra infanzia, educazione e arti performative, corsi per insegnanti. Un evento che assume quest'anno un significato ancora più interessante data la recente presentazione da parte del MIUR delle linee guida per l'inserimento del teatro nella formazione scolastica curricolare.

Dagli anni ’90, Chiara Guidi ha ideato originali forme di teatro per e con l’infanzia generando un “teatro d’arte infantile” conosciuto non solo in Italia e in Europa ma anche in alcuni paesi quali Giappone, Cile, Australia, Taiwan, Corea. L’attenzione al pubblico dei più piccoli ha dato vita a un’arte che mette al centro il bambino e fonde teatro e gioco, facendo dello spettacolo un luogo di sperimentazione e conoscenza diretta del mondo da parte dei bambini e degli stessi adulti, insegnanti, genitori, attori. Infanzia quindi non intesa come età anagrafica ma come una “propensione a vedere le cose sospendendo l'uso immediato della ragione”. In questo senso lo spettatore è chiunque consenta all'arte, e alla forma teatrale in questo caso, di mettere in moto la propria immaginazione

Ad aprire il programma di Puerilia, venerdì 8 aprile alle 17 alla Biblioteca Malatestiana, sarà il dialogo dal titolo "Giovani senza cittadinanza" con Stefano Laffi, sociologo che si rivolgerà agli insegnanti intorno ai problemi del pubblico giovane oggi.

Nello stesso giorno avrà inizio il primo laboratorio che confluirà nell’allestimento de "La terra dei lombrichi", in scena al Teatro Comandini da lunedì 11 a venerdì 15 e da lunedì 18 a venerdì 22 aprile per bambini e adulti (a partire dai 6/7 anni di età). Lo spettacolo – ideato e diretto da Chiara Guidi, realizzato in collaborazione con Chiara Savoia – inizia fuori dal teatro, e i bambini vi entrano mischiandosi con gli attori; saranno coinvolti, tutti insieme, in un viaggio nell’aldilà, dove chi ha il coraggio di morire poi rinasce. Ispirato ad Alcesti di Euripide, La terra dei lombrichi è un’esperienza in cui il teatro, con la sua dimensione analogica, permette di elaborare la questione della morte come materia della vita.

Puerilia è realizzato da Socìetas Raffaello Sanzio, con il contributo del Comune di Cesena-Assessorato alla Cultura e Promozione, e della Regione Emilia-Romagna in collaborazione con Teatro Bonci/EmiliaRomagna Teatro Fondazione e Coop Adriatica.

Per informazioni e programma completo: www.societas.es