Un'applicazione sviluppata in collaborazione con il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite per assicurare un pasto ai rifugiati siriani
04 December 2015

Con un semplice tocco sul telefonino sarà possibile donare  40 centesimi di euro sufficienti ad assicurare un pasto ai bambini rifugiati siriani. Si tratta di un'app “ShareTheMeal" ideata dal World Food Programme dell'Onu (ovvero il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite), che promuove e sostiene le attività realizzate per combattere la fame nel mondo.

L'uso è semplice e l'obiettivo è quello di “condividere” i pasti con i bambini rifugiati siriani in Giordania. Il potenziale di ShareTheMeal è enorme, basti pensare che se i due miliardi di possessori di smartphone donassero un pasto i 100 milioni di bambini che soffrono la fame mangerebbero per 20 giorni.

Una versione sperimentale di ShareTheMeal è stata lanciata in Germania, Austria e Svizzera nel giugno 2015 con più di 120.000 utenti che hanno fornito oltre 1,7 milioni di pasti a scuola per i bambini bisognosi nel Lesotho, paese dell’Africa australe.

“Il semplice atto di condividere un pranzo è ciò che unisce tutte le persone nel mondo. Questa versione digitale del condividere un pasto è un modo tangibile con cui la generazione Zero Hunger può agire per porre fine alla fame”, ha detto la Direttrice Esecutiva del WFP, Ertharin Cousin. 

L'applicazione è disponibile sia per sistemi Ios che per Android.