E' iniziata l'ultima fase di “Ti ci porto”, progetto di condivisione sul web delle memorie storiche di quattro gruppi di anziani in Toscana. Sabato 13 a Badia a Settimo (FI) la prima “passeggiata narrativa” in compagnia dei partecipanti al progetto.
09 June 2015

Trasformare le storie, il patrimonio di conoscenza del territorio degli anziani in un terreno comune per dialogare con le nuove generazioni, attraverso il web e gli strumenti di condivisione.

E' l'obiettivo di “Ti ci porto”, un progetto realizzato dall’Istituto degli Innocenti con la collaborazione di Anci Innovazione, EDA Servizi e LAMA dca che ha preso il via nel novembre dello scorso anno, grazie a un bando per la promozione dell'invecchiamento attivo e la solidarietà fra generazioni, promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento Politiche per la famiglia.

Protagonisti sono i racconti dei nonni hanno abitato l'infanzia di tutti noi. Storie di luoghi scomparsi, di povertà e lavoro, di guerra e migrazioni, di famiglia. “Ti ci porto” nasce per valorizzare questo patrimonio di esperienza e conoscenza attraverso il racconto sul web e l'aiuto delle nuove generazioni. Nasce quindi da un diffuso bisogno di storie, e di “storia”, dalla necessità di trovare un vero terreno di scambio fra presente e passato.

Sabato 13 giugno dalle 17.30 a Badia a Settimo (Scandicci) prende il via l'ultima fase del progetto in cui le storie finora raccontate sul web trovano corpo e vita, i protagonisti ci accompagnano sui loro luoghi della memoria e li raccontano in “presa diretta”. La giornata ha inizio con un breve workshop di webreporting della manifestazione “Igneus 1068 – Festa medievale e rievocazione storica”. Si prosegue con le visite guidate all’Abbazia di San Salvatore a Settimo a cura dell’Associazione Amici della Badia di Settimo per concludere con la “passeggiata narrativa”

Il progetto ha coinvolto 4 gruppi di anziani e giovani in quattro comuni della Toscana: Campi Bisenzio, Scandicci, Agliana, Pontassieve (Doccia). Per il territorio di Scandicci i “narratori” sono un gruppo di pensionati che si sono conosciuti nell’ambito dell’“Università dell’ Età Libera”, per Agliana i frequentatori dei corsi di informatica del gruppo P.A.A.S, per Campi Bisenzio alcuni membri dell'Auser locali, fra cui molti ex insegnanti, per Pontassieve, nella frazione di Doccia, le signore dell'associazione culturale “Il paese sulla collina”, dedicato all’insegnante Sara Cerrini Melauri. In una prima serie di incontri i gruppi di anziani, aiutati da due esperti facilitatori, hanno preso confidenza con gli strumenti della rete e agli strumenti del web 2.0.

Sono stati loro introdotti argomenti come l'uso dei motori di ricerca, la visibilità dei contenuti sul web, l'analisi delle fonti, spunti narrativi di storie locali. Si sono poi aggiunti gruppi informali di ragazzi, uno per ogni territorio, che hanno affiancato gli anziani nel racconto e nella pubblicazione. Previsto prossimamente l'incontro finale del gruppo di Agliana, mentre Campi Bisenzio e Pontassieve si svolgeranno a settembre 2015.

Per registrarsi all'evento di sabato 13 e per informazioni: 338 7392771 - ticiporto@istitutodeglinnocenti.it

www.ticiporto.it