Il Comitato Media e Minori lancia l'allarme
23 December 2011
Tv e minori, italia a rischio sanzioni UE

L'Italia non fa abbastanza per proteggere i minori dai contentuti inadatti trasmessi in tv, Franco Mugerli presidente  del Comitato media e minori ha infatti ricordato che c'è tempo fino al 29 marzo per correggere il tiro visto che “ l’Italia rischia una procedura d’infrazione da parte della Commissione europea in tema di protezione dei minori in televisione”.
Il nostro paese è stato richiamato dall'Ue a causa del decreto  legislativo n. 44 del 16 marzo 2010, che consente la tra­smissione televisiva di  programmi gravemente nocivi per i minori (pornografia e violenza efferata) nella fascia diurna di programm­azione televisiva in contra­sto con la direttiva europea sui servizi di media audiovisivi.

Già nello scorso luglio il Comitato media e minori aveva contestato le delibere dell' Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni che avevano legittimato la trasmissione di film vietati ai minori di 14 anni in orario di televisione per tutti purchè con l'utilizzo di parental control, che invece non è consentita dal decreto 44/2010.

Le preoccupazioni che Franco Mugerli ha espresso  in oc­casione della Giornata nazio­nale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza hanno trovato rispondenza nelle conclusioni dell’in­dagine conoscitiva sulla tute­la dei minori nei mezzi di co­municazione della Commis­sione bicamerale per l’infan­zia e l’adolescenza.

Lo stesso Mugerli ha garantito alla  Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza la collaborazione del Comitato auspicando che “con un processo di coregolamentazione in un ampio confronto tra istituzioni, operatori e utenti, già in questa legislatura si possa dar vita a una razionalizzazione delle norme e a un Codice di tutela dei minori nei mezzi di comunicazione”.

Non si è parlato soltanto di tv, ma anche di Internet e nuove tecnologie che spesso vengono demonizzate ma il cui uso, nonostante questo, si sta sempre più diffondendo e proprio per questo secondo la Commissione  i minori potrebbero essere messi al riparo dai rischi legati al web  web «introducendo nei program­mi delle scuole corsi di edu­cazione ai media per svilup­pare nei giovani un’informa­zione critica».

Secondo  il neo sottosegreta­rio alla Politiche sociali Ceci­lia Guerra, bisogna innanzi­tutto mettere «nero su bianco i livelli essenziali di tutela dei minori, ma anche in altri campi».
Sicuramente quello dei media vecchi e nuovi è un terreno in cui è possibile e necessario fare ancora molto per la tutela dei minori tanto che la Commissione ha auspicato che “possa avviarsi nel Paese una vasta, coordinata e supportata azione di educazione all’utilizzo dei media”. (francesca conti)