Jacopo Pasquino viene lasciato sulla pila con un corredo che denuncia le condizioni miserevoli della famiglia

Jachopo e Pasquino ponemo nome a uno fancullo maschio; fu messo nella pila sabato notte a ore 6 o circha adì 16 d’aprile 1446 e rechò solo una pezuola lina e una peza lana di bigello vechia e una  fascia vechia trista.

(AOIF, [Libro dei] fanciugli A, 05/02/1444 – 17/10/1450, n. inv. 485, c. 73v)