In primo piano

07/11/2018
Cena di beneficenza il 3 dicembre all’Obihall – Come partecipare

L’Istituto degli Innocenti festeggia i 600 anni e presenta al Teatro Obihall di Firenze, lunedì 3 dicembre (dalle ore 20.00), il programma delle celebrazioni del Seicentenario, che si svolgeranno nel corso del 2019, con una cena di beneficenza che vedrà la partecipazione di Carlo Conti e alla quale sono invitati associazioni, istituzioni e cittadini che si sono dimostrati vicini all’ente nato per accogliere e difendere i bambini.

Avvisi

Avviso pubblico per il conferimento di n.1 incarico di collaborazione autonoma per lo svolgimento di attività connesse alla gestione dei social network dell’Istituto degli Innocenti e dei suoi committenti e al supporto alla segreteria organizzativa del seicentenario dell'Istituto.

...

Accadeva oggi ..

A una bambina accolta nello Spedale, che dimostra un mese di età, vengono messi i nomi di Bartolomea e Margherita:

Bartolomea et Margherita 1527  Y89
Lunedì a dì 18 di novembre a hore 17 fu messa nel presepio da 1a donna et 1°huomo, fasciata in peza lana romagniola et dua line haveva 1° breve rosso in filato in cordellina nera, mostra 1° mese.

(AOIF 496 - Balie e bambini dall'anno 1525 all'anno 1538 AA 25/03/1525 - 24/07/1539, c. 7v)

Progetti

dal 1.09.2016 al 30.11.2018
Europa
dal 1.02.2017 al 31.01.2019
Europa
dal 1.07.2017 al 31.01.2019
Europa

Alternative Future, le buone pratiche messe a punto in sei Paesi europei

18 Ottobre 2017
L'Istituto degli Innocenti nel progetto rivolto ai ragazzi che hanno subìto violenze

Il gioco di ruolo “Come nella vita vera” per svelare gli stereotipi di genere e le situazioni di privilegio e svantaggio è ideato dall’austriaca Verein Fur Manner und Geschlechterthemen Steiermark. Emoticons, video e discussioni in cerchio sono strumenti per esercitarsi sulle emozioni come propone l’Istituto degli Innocenti. Il gioco del tronco “magico”, che ha uno specchio all’interno, utile per svelare i propri pregi e lavorare sull’autostima è una delle esperienze fatte con i ragazzi di una struttura residenziale dalla Fondaciò Surt di Barcellona.

Pagine