antichi registri

Un bambino viene ripreso il giorno dopo che era stato accolto agli Innocenti

Pandolfo. 1539. Giovedì, addi 19 di febraio, a ore 16 in circha, fu messo nel presepio da una donna. Fasciato in pezzi di sargia rossa, cativa peza lina e chativa fascia et una pezuola in capo con nappe azurre et aveva al chollo un foglio biancho in più dopii, infilatovi drento un quatrino duchale et cholui che llo rechò se gli tolse un mantellino nuovo foderato di bigiello e un bracialino. Nato allora faciemolo batezare.
Rendesi alla Lisabetta, che fu quella che llo rechò e lei disse ch’era sorella della madre di detto banbino. Addì 20 di febraio. Dicie stare nella Scharpuccia di là d’Arno.

(AOIF, Balie e bambini dall'anno 1539 all'anno 1540 H, 03/08/1539- 14/05/1540, n. inv. 504, c. 221v)

Ultimo aggiornamento: 31/01/2024 - 12:57