Le comunità residenziali dell'Istituto si caratterizzano per la dimensione familiare delle relazioni, la professionalità degli educatori e la collaborazione con servizi sociali, magistratura, polizia giudiziaria e Aziende sanitarie del territorio.

Una donna intenta a vestire un neonato

L’Istituto degli Innocenti gestisce servizi socio-educativi a carattere residenziale e semi-residenziale per madri, gestanti, bambine e bambini di norma da 0 a 6 anni collocati su richiesta del servizio sociale referente e/o dal Tribunale per i Minorenni o, in casi di emergenza, dalle Forze dell’ordine.

Casa Bambini

interno di una cameretta per bambini con scrivania

Casa Bambini accoglie fino a 7 bambini (più ulteriori 2 in caso di ammissione d’urgenza), in età da 0 a 6 anni, allontanati dalla famiglia di origine in via temporanea o definitiva, con provvedimento dell’autorità giudiziaria.

La struttura

Casa Bambini è organizzata in zone destinate ai momenti di socialità allargata (per il gioco, le relazioni e i pasti) e zone più intime, dedicate alle cure personali e al riposo. Lo spazio esterno, esclusivo e protetto, integra ed espande le potenzialità di quello interno: comprende un terrazzo e un giardino in parte dedicato a orto didattico.

Il progetto

Gli interventi di Casa Bambini sono orientati a:

  • contenere il periodo di permanenza, attraverso la ricerca di soluzioni concordate con le istituzioni sociali e sanitarie;
  • predisporre un'organizzazione che assicuri al bambino relazioni privilegiate e continue con gli adulti di riferimento;
  • realizzare osservazioni sistematiche sul percorso di crescita del bambino.

Il servizio si impegna a favorire lo sviluppo psicologico e sociale di ogni bambino nel periodo della permanenza in struttura e ad agevolare il processo di reinserimento nella famiglia di origine o l’inserimento in famiglia affidataria o adottiva, secondo specifici progetti educativi individuali, redatti in collaborazione con il Servizio Sociale affidatario.

Contatti

Referente
Paolina Pistacchi
Telefono
Ruolo
Responsabile Comunità di accoglienza

Casa Madri

interno con due tavoli con sedie, per bambini e per adulti. Alla parete, una libreria per bambini con libri illustrati

Casa Madri accoglie fino a 7 nuclei di madri con figli in fascia d'età 0-6 anni, o donne in gravidanza che si trovano in situazioni di difficoltà e che necessitano di un sostegno e un collocamento al di fuori del proprio nucleo familiare.

La struttura

Casa madri è dotata di 7 camere, di un’ampia cucina adibita alla preparazione e alla condivisione dei pasti, di un salotto con spazi dedicati ai bambini e agli adulti e di un loggiato attrezzato. Le camere da letto sono organizzate per ospitare ogni singolo nucleo e prevedono spazi per il riposo, lo studio, il gioco. Alla pulizia e riordino degli ambienti concorrono le mamme ospitate, come parte importante del loro progetto educativo.

Il progetto

Il modello di intervento tiene conto delle peculiarità individuali e cerca di dare risposte mirate a situazioni di disagio, in stretto raccordo con il Servizio Sociale referente, assicurando la tutela dei bambini. Il personale educativo, sempre presente in struttura, sostiene le madri nelle loro competenze genitoriali e le orienta nell’acquisizione di capacità utili a proiettarsi nella realtà sociale, anche attraverso la conquista dell’autonomia lavorativa.

Contatti

Referente
Paolina Pistacchi
Telefono
Ruolo
Responsabile Comunità di accoglienza

Casa Rondini e Nuova Casa Rondini

interno di una camera con una finestra illuminata

Casa Rondini e Nuova Casa Rondini sono comunità familiari a bassa intensità assistenziale, organizzate per accogliere rispettivamente 4 e 3 nuclei familiari con figli minorenni, in cui gli adulti abbiano acquisito un buon livello di autonomia, stabilità psicologica e adeguato equilibrio affettivo con i figli.

La struttura

Casa Rondini e Nuova Casa Rondini prevedono una camera per ogni nucleo familiare accolto: si tratta di locali ampi organizzati per momenti di riposo, gioco e studio. In entrambe le strutture ci sono spazi comuni allestiti e dedicati a momenti di convivialità tra adulti e bambini.

Il progetto

Le strutture accolgono nuclei – madri e bambini – provenienti da Casa Madri, per la conclusione del loro percorso di autonomia, e nuclei familiari provenienti dall’esterno. Il personale educativo – presente in struttura per alcune ore al giorno – accompagna gli ospiti nell'organizzazione dei propri tempi e spazi dentro e fuori la struttura, indirizzandoli verso l'autonomia personale e il reinserimento sociale e lavorativo.

Contatti

Referente
Paolina Pistacchi
Telefono
Ruolo
Responsabile Comunità di accoglienza

Laboratorio Pro-fili

scaffali che reggono scampoli di stoffe e rocchetti di fili colorati

Il laboratorio Pro-Fili rientra tra le attività di tipo socio-educativo rivolte agli ospiti accolti nelle comunità residenziali dell’Istituto e prevede laboratori sperimentali per l'acquisizione di autonomie. Si tratta di uno spazio organizzato e attrezzato, dove gli ospiti delle strutture possono acquisire e consolidare - attraverso l’esperienza del cucito, della maglieria e più di recente anche del profumo - competenze utili per entrare, o rientrare, nel mondo del lavoro una volta usciti dalla comunità, con l’obiettivo di migliorare le proprie condizioni di vita. Le attività sono gestite da operatori che, in collaborazione con i volontari, offrono la loro esperienza specialistica a modello e supporto delle madri.

Contatti

Referente
Paolina Pistacchi
Telefono
Ruolo
Responsabile Comunità di accoglienza

Ultimo aggiornamento: 03/02/2022 - 13:01