Il Museo racconta la storia seicentenaria dell'Istituzione attraverso il suo patrimonio culturale, storico artistico e documentario

Veduta della Galleria d'arte museale con visitatori che osservano dipinti

Il Museo degli Innocenti racconta la storia dell’Istituto, nato nel 1419 come Ospedale degli Innocenti allo scopo di accogliere, accudire ed educare i bambini abbandonati. Da allora sei secoli di storia hanno alimentato questa identità arricchendola di un raro patrimonio culturale, storico e artistico.

Il percorso espositivo del Museo è articolato su tre livelli.

  • La sezione storica illustra l’evoluzione dell’Ospedale, dalle origini al XX secolo, attraverso opere d’arte, materiali d’archivio, biografie e testimonianze di chi ha vissuto in questo luogo.
  • La sezione dedicata all’architettura include il celebre Loggiato di Filippo Brunelleschi e i Cortili monumentali dell’Istituto, che oggi possiamo ammirare nel loro aspetto originario dopo secoli di trasformazioni legate alle esigenze di accoglienza dei bambini.
  • La Galleria d’arte, sopra il Loggiato di facciata, espone la collezione d’arte dell’Istituto degli Innocenti: oltre 80 opere comprese tra il XIV secolo e il XVII secolo. Tra gli artisti figurano Sandro Botticelli, Domenico Ghirlandaio, Piero di Cosimo, Luca e Andrea della Robbia. Oltre la Galleria, il Coretto di preghiera delle balie conserva oggetti devozionali e liturgici usati in passato dalla grande famiglia degli Innocenti.

L’offerta espositiva è integrata dai servizi di didattica museale della Bottega dei Ragazzi e da un Bookshop specializzato in editoria per l’infanzia. Presenta inoltre un piacevole punto ristoro nello storico terrazzo monumentale del Caffè del Verone.

Il Museo degli Innocenti dispone di un proprio sito web, ricco di informazioni e sempre aggiornato sulle proposte culturali in programma.

Le attività del Museo sono realizzate anche grazie al contributo del nostro main partner F.I.L.A

logo fila

 

Indirizzo

Piazza della Santissima Annunziata, 13
50122 Firenze

Orari di apertura

Aperto dalle 9.00 alle 19.00.
Ultimo ingresso 60 minuti prima della chiusura.

Per gli ingressi e le visite guidate nei fine settimana è obbligatorio prenotare entro le 18 del giorno precedente alla visita.

Festività e aperture straordinarie

Martedì 1 novembre: 9.00-19.00

Giovedì 8 dicembre: 9.00-19.00

Sabato 24 dicembre: 9.00-15.00

Domenica 25 dicembre: 12.00-19.00

Lunedì 26 dicembre: 9.00-19.00

Sabato 31 dicembre: 9.00-15.00

Domenica 1 gennaio: 12.00-19.00

Venerdì 6 gennaio: 9.00-19.00

Per costi, convenzioni e per prenotare la visita vai alla biglietteria sul sito del Museo degli Innocenti.

Mostre temporanee

E l'altra metà serberò io

Il Museo dedica ampio spazio anche a mostre temporanee ed eventi culturali, curati dall’Istituto o in collaborazione con altri soggetti. L'offerta si ispira soprattutto a temi cari all'istituzione e ai suoi valori, con riflessioni su infanzia e adolescenza, famiglie e genitorialità. Le mostre sono ospitate in spazi recentemente rinnovati, del tutto accessibili e dotati di ogni confort per la visita.

Attraverso il Museo l'Istituto si impegna a valorizzare in modo integrato i propri servizi culturali (Museo, Archivio e Biblioteca) con proposte mirate a promuovere e trasmettere l’inesauribile vitalità di questo patrimonio culturale.
Il 2022 ha visto nascere la mostra E l’altra metà serberò io. I segnali di riconoscimento dell’Ospedale degli Innocenti, un’offerta espositiva dedicata ai segnali, quei piccoli oggetti tradizionalmente indossati dai bambini al loro arrivo nello storico brefotrofio che servivano ad identificarli e di cui l’Archivio storico preserva ancora oltre quarantamila esemplari. Una mostra che intende dialogare anche coi bambini accompagnandoli alla scoperta di questo raro patrimonio con una narrazione pensata per l’infanzia attraverso il racconto illustrato La moneta spezzata. Una storia di Tino il Nocentino e il video ad esso ispirato.

L'offerta espositiva del Museo è sempre aggiornata all'interno del sito del Museo.

 

Link utili

Utilizzo di immagini e video

Sala museale detta del Ghirlandaio con dipinto di Domenico Ghirlandaio all'interno e un visitatore che lo osserva

Chi desidera utilizzare o acquisire immagini e video dei beni culturali dell'Istituto e del Museo a scopo di riproduzione è tenuto a formalizzare domanda e inviarla all’Ufficio competente mediante l'apposito modulo di richiesta compilato. La concessione e i termini per l'utilizzo dei materiali sono soggetti a Regolamento dell'Istituto degli Innocenti.

Ultimo aggiornamento: 05/12/2022 - 14:17